PASSATO IL SIFONE DELLA GROTTA DELLA DRAGONERA (CN)

La grotta-sorgente situata a poca distanza dall’abitato di Roaschia (Cuneo) è stata méta di esplorazioni dell’inizio degli anni ’60 ad opere dei gruppi speleosubacquei di Cuneo, Torino e Milano.  Nel 1968, durante le ultime esplorazioni, fu teatro di un incidente nel quale due speleosub furono bloccati nell’oltresifone e riuscirono ad riemergere solamente il giorno successivo dopo una notte in cui tutti pensavano al peggio. Al seguito di questo la grotta fu chiusa e solo raramente si riescono ad avere i permessi per accedervi. 
Una quindicina di anni fa la cavità fu riesplorata con cura e rivista tutta la parte terminale che presenta un labirinto di cunicoli di ridotte dimensioni. 
Nonostante l’impegno profuso non si riuscì a ritrovare la via seguita da due speleosub e l’oltresifone rimase un mistero.
Mistero che si è finalmente abbattuto ora con il ritrovamento del cunicolo “giusto” e il raggiungimento della saletta oltresifone, dopo 47 anni dallo storico incidente.
Hanno partecipato alla recente esplorazione Gherardo Biolla, Giorgio Graglia, Roberto Jarre e Attilio Eusebio.


SPELEOSUB - ARMA DEL LUPO 2012 Il racconto di Alberto
Dalla vivida ed entusiasta penna di Cavedon, il racconto dell'avventura subacquea cominciata ben prima dell'immersione e comprensiva dei trasporti e dei classici riti propiziatori
il racconto di Alberto.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.0 MB
SPELEOSUB - Arma del Lupo (CN) Rilievo nuovo completo
Con le nuove esplorazioni subacquee la grotta raggiunge i 2850 metri di sviluppo con un dislivello totale di 161 metri.
rilievo lupo nuovo completo copy.jpg
Formato JPG 1.8 MB

SPELEOSUB - Sifone dell'Arma del Lupo -121

(6-8 gennaio 2012)

Grandi ambienti, visibilità spettacolare, rilevate ed esplorate 300 metri di nuove gallerie per -121 di profondità. Questi sono i risultati tecnici ed esplorativi della spedizione organizzata dalla Associazione Gruppi Speleologici Piemontesi nel periodo 6-8 gennaio 2012.

Ma il risultato umano è stato ben più soddisfacente, 62 persone appartenenti ai Gruppi Speleologici Piemontesi e Liguri si sono alternate per due giorni a trasportare due attrezzature complete per i sifonisti (oltre 30 sacchi di materiale, una decina di bombole) permettendo ad entrambi di entrare in acqua (Alberto Cavedon - Attilio Eusebio). Il primo dotato di rebreather ed assistito fuori e dentro l'acqua è sceso in autonomia fino a -121 dove la galleria, di grandi dimensioni, pareva chiudere. Ma verso l'alto una breve risalita (sempre subacquea naturalmente) lo ha riportato su una cengia a -107 da dove ripiomba nell'inesplorato "nero". L'immersione  è durata 135 minuti. Durante la risalita sono state eseguiti dai due speleosub rilievo del nuovo ramo e fotografie. Temperatura dell'acqua 6 gradi in superficie, 5 gradi di -30 metri in giù.  Un grazie di cuore a tutti gli speleo che hanno condiviso con noi questa esperienza, che l'hanno supportata in particolar modo agli amici dello Speleo Club Tanaro che ne hanno subito l'urto maggiore. (di seguito alcune immagini della grotta e dell'immersione)

SPELEOSUB _ Su Gologone 2010
Rapida descrizione della esplorazione di Alberto Cavedon nella nota risorgenza sarda. Nella sezione photogallery sono riportate alcune immagini della spedizione.
Esplorazione speleosubacquea di SU GOLOG
Documento Adobe Acrobat 198.5 KB
Rio Martino (Piemonte) - Esplorazione sifone terminale 2009
Nel settembre del 2009 una nutrita spedizione di speleologi ha permesso di ritentare il sifone di Rio Martino, famosa grotta ubicata in Valle Po (Crissolo - Piemonte). Circa 35 persone hanno trasportato per ore le attrezzature necessarie per il tentativo e la successiva immersione ha permesso di esplorare nel dettaglio gli ambienti subacquei. Maggiori informazioni sono riportate sulla stampa specializzata, una sintesi è riportato nel seguente articolo tratto dal bollettino Grotte n.152 del Gruppo Speleologico Piemontese CAI Uget
riomartino.pdf
Documento Adobe Acrobat 128.9 KB
Spedizione speleosubacquea ALBANIA 2007
Nella primavera-estate del 2007 una ricognizione speleosub nel paese delle aquile ci ha permesso di avvicinarsi alle risorgenze locali. Forti correnti ci hanno impedito di fare grandi esplorazioni ma le potenzialità ci sono tutte.
Albania 2006.pdf
Documento Adobe Acrobat 824.6 KB
Spedizione speleosubacquea BOSNIA 2007
Una settimana di speleologia subacquea a Mostar ci ha avvicinato al panorama speleosubacqueo locale. Grandi risorgenze, profondità importanti, frane subacquee e forte corrente hanno ostacolato nel tempo le esplorazioni che tuttavia proseguono e la zona appare molto interessante anche se non banale. Nel testo che segue si racconta la nostra esperienza con una breve introduzione sul contesto idrogeologico locale
bosnia.pdf
Documento Adobe Acrobat 770.2 KB
Spedizione speleosubacquea MONTENEGRO 2005
Una spedizione speleosubacquea in Montenegro ci ha portati ad esplorare nuove grotte ed a trovare, nelle risorgenze a mare, una associazione biologica molto particolare, così originale che una rivista universitaria di prestigio THALASSA SALENTINA, specializzata in biologia marina ci ha chiesto di pubblicarne i risultati. Ne pubblichiamo un estratto per favorire la diffusione della scoperta. Di seguito inoltre una serie di immagini illustrano la spedizione
Thalassa3.pdf
Documento Adobe Acrobat 582.8 KB
Spedizione speleosubacquea CUBA - 2003
Alcuni anni fa abbiamo avuto la fortuna di organizzare una spedizione spelosubacquea a CUBA. Al di fuori di tutte le rotte commerciali abbiamo vissuto una quindicina di giorni tra gli amici speleologi cubani che ci accompagnavano ad esplorare le loro cavità ed i cenote presenti in zona. La logistica molto difficile ci ha impedito di tornare pur se restano ancora molte cavità inesplorate e molte gallerie ancora da scendere. Chissa quale sarà l'anno buono?
cuba2004.pdf
Documento Adobe Acrobat 3.5 MB

 

LOOKING BACK ON

INNOVATING DECOMPRESSION PROTOCOLS TO EXPEDITE WATER EXITS di  Bret Gilliam

https://www.tdisdi.com/looking-back-on-innovating-decompression-protocols/

bret gilliam2 maids.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.1 MB