Enjoy Your Caves in Lampedusa Island

Alcune immagini -agosto 2016- delle grotte dell'isola di Lampedusa (Sicilia)

La sera del 17 agosto 2016 si è svolta a Roaschia (CN)  una  presentazione delle recenti esplorazioni alla grotta della Dragonera e del film realizzato per l'occasione. Il filmato, della durata di circa 25 minuti rivive l'incidente di quasi quaranta anni, fa quando due speleosub persero la strada e fortunosamente si rifugiarono in una piccola sala sconosciuta in aria libera. Il mattino dopo riemersero incolumi destando lo stupore di tutti che già ipotizzavano un finale tragico. Le ottime interviste realizzate ai vari componenti l'equipe e la capacità tecnica di Simone Baietto (che ha curato la regia ed il montaggio del filmato) hanno permesso a tutti di  avvicinarsi ad un evento che segnò la comunità locale per decenni. Molto alto l'interesse con la partecipazione di circa duecento persone.

Sono in corso di distribuzione, da parte della Federazione Speleologica Sarda, gli Atti del convegno tenutosi l'anno scorso a Cala Gonone il 23 maggio "La storia delle esplorazioni nelle grotte sommerse del golfo di Orosei e le nuove frontiere della ricerca speleosubacquea". Tredici contributi originali, per oltre 150 pagine di testo ed immagini permettono di conoscere la storia e le vicende umane che hanno accompagnato anni di esplorazioni. Una parte del convegno è stata dedicata a altre realtà speleosubacquee e alle possibilità esplorative future soffermandosi in particolare su quelli che sono oggi i limiti tecnici ed umani della attività speleosubacquea in grotte profonde e lontane dalle vie di accesso con necessità di squadre di supporto importanti. Il testo presentato sul "Settore meridionale  del Marguareis ..." è scaricabile da http://www.speleosubtek.com/pubblicazioni-personali/

Lampedusa: emozioni e colori in un angolo di Mediterraneo

Les Tombants de Cap Martin (Menton) - aprile 2016

Sifone della Dragonera: le immagine delle gallerie sommerse

PASSATO IL SIFONE DELLA GROTTA DELLA DRAGONERA (CN)

La grotta-sorgente situata a poca distanza dall’abitato di Roaschia (Cuneo) è stata méta di esplorazioni dell’inizio degli anni ’60 ad opere dei gruppi speleosubacquei di Cuneo, Torino e Milano.  Nel 1968, durante le ultime esplorazioni, fu teatro di un incidente nel quale due speleosub furono bloccati nell’oltresifone e riuscirono ad riemergere solamente il giorno successivo dopo una notte in cui tutti pensavano al peggio. Al seguito di questo la grotta fu chiusa e solo raramente si riescono ad avere i permessi per accedervi. 
Una quindicina di anni fa la cavità fu riesplorata con cura e rivista tutta la parte terminale che presenta un labirinto di cunicoli di ridotte dimensioni. 
Nonostante l’impegno profuso non si riuscì a ritrovare la via seguita da due speleosub e l’oltresifone rimase un mistero.
Mistero che si è finalmente abbattuto ora con il ritrovamento del cunicolo “giusto” e il raggiungimento della saletta oltresifone, dopo 47 anni dallo storico incidente.
Hanno partecipato alla recente esplorazione Gherardo Biolla, Giorgio Graglia, Roberto Jarre e Attilio Eusebio.


 

LOOKING BACK ON

INNOVATING DECOMPRESSION PROTOCOLS TO EXPEDITE WATER EXITS di  Bret Gilliam

https://www.tdisdi.com/looking-back-on-innovating-decompression-protocols/

bret gilliam2 maids.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.1 MB